Questi cracker  fatti con farina integrale e farina di ceci, sono sottili e croccanti come le patatine.
Ideali a pasto, come sostituto del pane, ma anche per uno spuntino leggero o un’aperitivo, accompagnati da salsine sfiziose (salsa guacamole, tzaziki, salsa al pomodoro…).
La ricetta è di Claudia, dal suo blog My ricettarium.
 

 

La ricetta è molto semplice, non ho avuto alcuna difficoltà a farla.
Nell’impasto non ho modificato gli ingredienti.
Ho usato il vino bianco e non l’acqua.
Gli ingredienti sono perfettamente dosati, non c’è bisogno di aggiungere liquidi nè farina.
Viene un impasto morbido e ben lavorabile, non appiccicoso.
L’impasto l’ho tirato più sottile di Claudia, in modo che fossero molto croccanti.
Le spezie che ho usato sono quelle che ho reperito in casa ossia paprika e semi di papavero.
Dal giardino rosmarino e timo.
Le ho messe separatamente, sparse sulla superficie, per creare gusti diversi.
Queste sfoglie croccanti mi sono piaciute tantissimo, si mangiano proprio come le patatine, una tira l’altra.
Le rifarò con tutte le salsine!

 

Ingredienti:
 
130 g di farina di ceci
120 g di farina integrale macinata a pietra
50 g di olio extravergine di oliva
100 ml di vino bianco secco
spezie ed erbe aromatiche a piacimento (io paprika, semi di papavero, rosmarino tritato, timo sfogliato)
 
In una ciotola mescolare le due farine.
Unire l’olio e il vino e impastare fino ad ottenere un panetto morbido ma asciutto.
Accendere il forno a 180° (col mio forno devo sempre usare una temperatura più bassa).
Tirare la pasta in sfoglie sottili (io ho usato la nonna papera, ossia la macchinetta a manovella), poi ho rifinito i bordi con la rotella dentellata formando dei rettangoli.
Ho adagiato i cracker su una teglia ricoperta di carta forno.
Li ho spennellati leggermente con acqua e ho sparso in superficie le spezie e le erbe aromatiche.
Li ho infornati fino a cottura. A me sono bastati 10 minuti, forse meno.
Mantengono la loro croccantezza anche il giorno dopo se tenuti chiusi in una sacchetto di plastica.
Non siamo andati oltre. Troppo buoni!

 

25 Comments on CRACKER DI CECI

  1. Angelica M
    23 febbraio 2015 at 8:24 (2 anni ago)

    Sono molto gustosi! Mi piace tanto la tua versione con il vino! Bravissima Natascia! Buon inizio settimana e un bacione! 🙂

    Rispondi
  2. Claudia
    23 febbraio 2015 at 8:36 (2 anni ago)

    Natascia graazie ancora!!!!!! sono venuti proprio belli sfiziosi.. dovrò andare diolio di gomitolapossima volta.. e tirali sottili come i tuoi.. e voglio anche provate a cospargerli di spezie diverse.. e servirli con le salsette!! Grazie di cuore ancora per avere partecipato! Intanto ho inserito anche nel mio post..il link a questo tuo! un abbraccio e buona giornata:-)

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      23 febbraio 2015 at 9:57 (2 anni ago)

      Anch'io se non avessi la macchinetta non riuscirei a tirarli sottili, non sono molto brava col matterello. Non ho tanta forza. Sono stata felicissima di aver partecipato e di aver scoperto una ricetta così buona! Un bacione!

      Rispondi
  3. SABRINA RABBIA
    23 febbraio 2015 at 14:43 (2 anni ago)

    aspettavo di vedere i crackers anche fatti da te, ti sono venuti benissimo, sono perfetti, brava!!!!Baci Sabry

    Rispondi
  4. Polvere di Riso
    23 febbraio 2015 at 14:58 (2 anni ago)

    bellissimi e sani…perfetti!!! 😉 un bacione !!!

    Rispondi
  5. elenuccia
    23 febbraio 2015 at 16:05 (2 anni ago)

    Mamma che aspetto delizioso. Devono essere davvero sfiziosi

    Rispondi
  6. andreea manoliu
    23 febbraio 2015 at 16:09 (2 anni ago)

    Ma che buoni fatti in casa e con così tanti gusti, c'è imbarazzo della scelta !

    Rispondi
  7. Tiziana Bontempi
    23 febbraio 2015 at 16:28 (2 anni ago)

    Sono sfiziosissimi, che buoni! Una di quelle cose che, se ti capitano per mano prima di sederti a tavola, sei fregato… Ti ingozzi con questi senza riuscire a fermarti.
    Anch'io a volte preparo delle cose simili. Questi poi, non essendo lievitati, sono ancora più pratici e veloci.
    Ciao Natascia, a presto
    Tiziana

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      25 febbraio 2015 at 19:05 (2 anni ago)

      Hai detto giusto. E' successo esattamente così, non riuscivo più a fermarmi! Sono irresistibili!

      Rispondi
  8. conunpocodizucchero Elena
    23 febbraio 2015 at 16:29 (2 anni ago)

    sono appena stata da lei, non potevo nn venire d ate a complimentarmi! sì sono come patatine immagino 🙂

    Rispondi
  9. elenuccia
    23 febbraio 2015 at 21:28 (2 anni ago)

    Hai un blog stupendo con delle foto magnifiche. Sono contenta di averlo scoperto. E che dire di Kitty, una meraviglia assoluta. Io che sono una gattofila convinta quando vedo un gatto perdo la ragione, e tutto il resto passa in secondo piano 🙂

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      25 febbraio 2015 at 19:08 (2 anni ago)

      Ciao carissima! Grazie per esserti registrata, ho ricambiato volentieri perchè anche il tuo blog mi è piaciuto subito. E poi siamo anche "vicine di casa". Anch'io sono una gattofila. Oltre a Kitty abbiamo altri due gatti. A presto!

      Rispondi
  10. Sugar Ness
    23 febbraio 2015 at 21:47 (2 anni ago)

    Ma quanto sono sfiziosi! Li avevo visti da Claudia e mi piace la tua interpretazione! Non ti smentisci mai, Natascia! Complimenti!

    Rispondi
  11. Mila
    24 febbraio 2015 at 10:24 (2 anni ago)

    Già visti da Claudia, ma è bello vedere e leggere che le ricette di Claudia sono sempre ben calibrate. Il tuo risultato ne è l'esempio!!! Bravissima

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      25 febbraio 2015 at 19:10 (2 anni ago)

      E' così, l'ho visto subito quando li ho impastati. Non avevo mai fatto dei cracker. Mi sono venuti bene subito! Ciao Mila!

      Rispondi
  12. max - la piccola casa
    27 febbraio 2015 at 11:17 (2 anni ago)

    Molo molto buoni, adori i ceci e questi cracker devono essere gustosissimi!

    Rispondi
  13. Claudia
    17 aprile 2015 at 10:35 (2 anni ago)

    ..e qualcosa ho copiato anche io dalla tua rivisitazione.. vieni a vedere.. smack

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *