Questo è stato il nostro pranzo di Pasqua. Una Pasqua fuori dagli schemi. 
Senza colombe e piatti tradizionali Pasquali. 
Ho abolito l’agnello già da diversi anni. Forse diventerò vegetariana (ma mai vegana!)
Questo pranzo può andare bene in qualunque occasione.
Non sono piatti originali ma super-collaudati!
Quando devo fare un pranzo o una cena con ospiti, che siano parenti o amici  vado sul sicuro: menu di pesce.
Il pesce è leggero, fa bene e piace a tutti.
Con l’aiuto di qualche ingrediente pronto e pulendo il pesce in anticipo, si arriva al pranzo senza troppo sforzo.
Il pesce è molto più facile cucinarlo di quel che sembra, perchè richiede cotture veloci, infatti gamberi e seppioline se cotti troppo a lungo diventano gommosi.
Io l’ho chiamato pesce in modo generico ma per essere precisi in questo menu sono presenti solo crostacei (gamberi e scampi) e molluschi cefalopodi (seppioline e calamari).
Inutile dirvi che il pesce deve essere assolutamente fresco acquistato in pescheria perchè quello surgelato è duro, gommoso e insapore.

Questo menu è per 6 persone


Tartellette ai gamberi
Risotto agli scampi
Spiedini orto mare
Torta fresca ai mirtilli


Mettetevi comodi!
Questo post è molto lungo, vi regalo ben 4 ricette!

Antipasto
Tartellette ai gamberi


Per 17 tartellette


Un’antipasto stuzzicante con un mix di consistenze. La  pasta brisè è croccante,  la salsa rosa  cremosa e avvolgente, l’insalata dà freschezza e il gamberone dà carattere e svela il resto del menù.
Innanzitutto preparate le tartellette.
Rivestite gli stampini per tartellette con pasta brisè, (potete usare quella pronta o la vostra ricetta) tagliando dei dischetti con un coppapasta (o un bicchiere).
Cuoceteli  in forno statico, per dieci minuti circa, a 160°.
Fatele raffreddare prima di farcirle.
Farcitele non più di 1 ora prima di servirle per evitare di inumidire la pasta brisè.
Mettete un pezzettino di insalata verde, lavata e sgrondata.
Mettete un ciuffetto di salsa rosa pronta o fatta da voi.
Sopra decorate con  un gamberone, saltati  in padella qualche minuto, presi tra quelli per gli spiedini, dopo la marinatura.
Primo piatto
Risotto agli scampi


1 kg di scampi interi


Per il brodo:
1,5  lt di acqua
1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla piccola


Per il risotto:
700 g di riso Carnaroli
trito di sedano, carota e cipolla
peperoncino q.b.
prezzemolo tritato
1 bicchiere di vino bianco
2-3 cucchiai di panna da cucina


sale e pepe

Innanzitutto pulite gli scampi togliendo la polpa e raccogliendola in una ciotola, mettetela da parte.
Lasciate intero uno scampo per ogni commensale per decorare il piatto, in tutto 6.
Indispensabile fare il brodo con gli scarti delle teste e le carcasse degli scampi, insieme a qualche gambo di sedano, una carota, una cipollina, il sale e l’acqua.  Dopo averlo fatto bollire un’oretta filtratelo con un colino e mettetelo da parte per fare il risotto.
Soffriggete un trito di sedano, carota, cipolla e poco prezzemolo.
Unite il riso carnaroli e fatelo tostare, poi  sfumatelo  con il  bicchiere di vino bianco secco.
Unite gli scampi interi e portate a cottura il riso, per il tempo indicato sulla confezione,  aggiungendo man mano il brodo poco per volta.
A 5 minuti dal termine della cottura unite la polpa degli scampi e 2 cucchiai di panna per mantecare.
Alla fine, ma solo alla fine aggiungere altro prezzemolo tritato.
Secondo e contorno
Spiedini orto mare


500 g di gamberoni
500 g di calamari
500 g di seppioline
1 peperone giallo
1 grosso porro
2 zucchine


Per la marinatura:
olio evo
prezzemolo tritato
12 tubetto di pasta d’aglio


Per la panatura:
pangrattato di pane comune
parmigiano grattugiato


sale e pepe




Questi spiedini sono il mio “cavallo di battaglia”.
Si preparano in anticipo. D’inverno si cuociono al forno e d’estate sul barbecue.

Il segreto è la marinatura del pesce per diverse ore in abbondante olio, prezzemolo tritato e pasta d’aglio.
La pasta d’aglio si trova in tubetto e conferisce al pesce un aroma piacevole, senza gli effetti collaterali e senza trovare spiacevoli pezzi d’aglio.

Poi la panatura in pangrattato e parmigiano grattugiato quasi in parti uguali.
Il pangrattato è meglio farlo in casa grattugiando pane secco comune.
Di solito li faccio di solo pesce.
Ma volendo evitare di fare il contorno, ho unito le verdure che ho precotto in forno perchè hanno tempi di cottura diversi. Volevo metterci anche dei pomodori ciliegini, per dare un tocco di colore, ma mi sono dimenticata. Se li usate, metteteli crudi.

Riassumendo:
Mettete a marinare i pesci.
Cuocete le verdure tagliate a pezzi, condite con sale, olio e pepe, nel forno, coperte da carta stagnola, per circa 20 minuti. Metteteli da parte.  Finiranno di cuocere dopo.
Componete gli spiedini, usando  quelli di legno appositi, intercalando tutti i molluschi e i crostacei alle verdure.
Passateli nella panatura, ricoprendoli bene.
Salateli e pepateli.
Possono rimanere sulla teglia, coperti da pellicola, in attesa, anche per mezza giornata, in frigo.
Cuoceteli in forno caldo, o sul barbecue, fino a che diventeranno belli dorati.
Serviteli subito.

Dessert
Torta fresca ai mirtilli


Per uno stampo da 20 cm di diametro


Per il pandispagna:
3 uova 
90 g di zucchero semolato
80 g di farina 00
20 g di cacao in polvere
30 g di burro fuso
1 cucchiaino di vaniglia in polvere


Per la crema di yogurt:
200 g di panna da montare
300 g di yogurt naturale intero
100 g di zucchero a velo
5 fogli di gelatina ammollati 
200 g di mirtilli freschi


Per la gelatina ai mirtilli:
250 g di succo di mirtilli zuccherato
3 fogli di gelatina


Per decorare:
panna montata
mirtilli freschi


Un dolce non troppo pesante, goloso quanto basta, al sapore di frutta.

Per il pandispagna:
Montate con le fruste elettriche le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto gonfio, triplicato di volume e ben montato.
Unite il burro fuso, intiepidito, continuando a montare.
Infine aggiungere il cacao, la vaniglia  e la farina setacciati insieme. Mescolare dal basso verso l’alto, con una spatola, senza smontare il composto.
Versare nella tortiera, con cerchio apribile, imburrato e infarinato.
Cuocere in forno preriscaldato, statico, a 170° fino a cottura.
Lasciatela raffreddare, tagliatela in due strati.
Uno strato mettetela da parte per un’altra preparazione.

Rimettete uno dei due strati nel fondo della stessa tortiera col cerchio apribile, foderato di carta forno.

Preparate la crema di yogurt:
Montate a neve la panna con lo zucchero a velo.
Mettere in ammollo la gelatina in acqua fredda. Quando si sarà ammorbidita strizzatela.
Mettete in un pentolino 50 g di yogurt con la gelatina strizzata e fatela sciogliere a fuoco dolce.
Unite insieme lo yogurt, la gelatina e la panna montata e amalgamate bene.
Aggiungete i mirtilli lavati e asciugati con carta da cucina.

Versate la crema sul disco di pandispagna.
Livellatela col dorso di un cucchiaio e mettetela in frigo a rassodare per 2 ore.

Preparate la gelatina di mirtilli:
In una casseruola, mettete il succo di mirtilli e i fogli di gelatina ammollati e strizzati.
Fate sciogliere dolcemente.
Lasciate intiepidire il composto prima di versarlo sulla torta.
Mettete nuovamente in frigo per altre 2 ore a rassodare.

A questo punto, dopo il riposo, rimuovete l’anello della tortiera, dopo aver tagliato con un coltello, tutt’intorno alla torta per staccarla senza che si rompa.
Aiutandovi con una spatola, fate scivolare la torta sul piatto da portata, che si staccherà facilmente, per la presenza della carta da forno.
Infine completate coi ciuffi di panna montata e mirtilli interi.
Conservatela in frigo fino al momento del consumo.

La prossima volta pubblicherò il nostro pic-nic della Pasquetta.

18 Comments on SAPORI E PROFUMI DI MARE (MENU COMPLETO)

  1. SABRINA RABBIA
    8 aprile 2015 at 13:40 (3 anni ago)

    CHE PRANZO DA RE, ANCH'IO CON UN PASTO COSI' NNO AVREI MANGIATO LA CARNE, ADORO IL PESCE!!!!BELLISSIMA LA TORTA!!!!BACI SABRY

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      8 aprile 2015 at 19:30 (3 anni ago)

      Anche noi adoriamo il pesce. In tutti i modi e di tutti i tipi! E una torta non deve mai mancare! Un bacio!

      Rispondi
  2. andreea manoliu
    8 aprile 2015 at 15:01 (3 anni ago)

    Un menù da tuffarsi dentro e non uscire fino a che non finisce tutto ! Tutto molto buono !

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      8 aprile 2015 at 19:31 (3 anni ago)

      Il giorno di Pasqua è stata una giornata così brutta, fredda e piovosa che non avevamo nient'altro da fare che mangiare!!!

      Rispondi
  3. Claudia
    8 aprile 2015 at 16:46 (3 anni ago)

    Ammazza che super menù che hai preparatao!!! Mi piace tutto tutto!!!! un bacione

    Rispondi
  4. laura flore
    8 aprile 2015 at 17:03 (3 anni ago)

    Natascia, sei stata bravissima, un menu fantastico dall'antipasto al dolce!
    Mi piace tutto, adoro il pesce e questa torta cosi deliziosamente golosa! Un menu da 10 e lode!
    Un abbraccio e felice serata!
    Laura♡♡♡

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      8 aprile 2015 at 19:38 (3 anni ago)

      Grazie Laura. Le portate non sono troppe e nemmeno troppo abbondanti, si riesce a mangiare tutto senza sentirsi troppo appesantiti. Buona serata anche a te! Baci!

      Rispondi
  5. consuelo tognetti
    8 aprile 2015 at 18:59 (3 anni ago)

    Che splendido menù perfettamente nelle mie corde 🙂
    Mi piace davvero tutto ed il prossimo anno mi autoinvito a casa tua ^_*

    Rispondi
  6. Elisa Ciarlantini
    9 aprile 2015 at 14:03 (3 anni ago)

    Uau che menù Natascia…complimenti davvero! Io adoro il pesce, mi piace tutto di questo menù ^_^

    Rispondi
  7. ilmondodiortolandia.com
    9 aprile 2015 at 17:11 (3 anni ago)

    Un menu fantastico Natascia e … in quel risotto mi ci sarei tuffata: io adoro il riso !! Un abbraccio
    Manu

    Rispondi
  8. lucy
    10 aprile 2015 at 5:54 (3 anni ago)

    io direi un menù perfetto da ristorante.buonissimo!

    Rispondi
  9. Mila
    10 aprile 2015 at 8:27 (3 anni ago)

    Io per questa pasqua ho preparato delle fugasse, ma solo per uso personale, per il giorno di pasqua ho preparato una bella torta con la frutta fresca!!! Bellissimo il tuo menù, complimenti e buon week end

    Rispondi
  10. speedy70
    11 aprile 2015 at 9:17 (3 anni ago)

    Complimenti, un menù perfetto e gustosissimo, per terminare con questo tripudio di dolce… che meraviglia, bravissima!!!!

    Rispondi

Leave a reply to speedy70 Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *