_mg_9626

La Torta delle rose è una torta di pasta lievitata.
A chi piace la colazione dolce questa torta è una vera coccola: dolce, morbida, profumata di scorza di limone e vaniglia  e sofficissima!
Attenzione questa ricetta è straricca di burro, che dona il suo particolare e inebriante profumo!

_mg_9629

Di questa torta ne esistono innumerevoli versioni.
Questa che ho seguito è la ricetta del maestro Luca Montersino dal suo libro “Croissant e biscotti” che stiamo testando su Cakes Lab in questi ultimi due mesi di quest’anno.

_mg_9635

Come già rilevato dalle mie amiche di Cakes Lab, anche questa ricetta è scritta purtroppo in modo molto approssimativo. Tanti passaggi sono dati per scontato.
Per esempio scrive solo di lasciare raffreddare l’impasto nel frigo ma non specifica il tempo.

Nella sua ricetta, con questa dose di ingredienti, prevede di riempire solo uno stampo da 18 cm di diametro con 8 rotolini. Io invece oltre a quello da 18 (che ho riempito con 7 rotoli) ne ho riempito anche un’altro rettangolare da plumcake, con altri 4 rotolini.

Voglio sottolineare l’importanza del raffreddamento dell’impasto in due tempi differenti.
Il primo dopo aver unito gli ingredienti, a impasto appena formato è talmente morbido che non si riesce a lavorare perchè si appiccica alle mani. Raffreddandolo in frigo assorbe l’umidità in eccesso e diviene più compatto.
Il secondo raffreddamento indispensabile è dopo aver formato il rotolo col ripieno, prima di tagliarlo a tronchetti perchè l’impasto resta comunque molto morbido e umido.

La ricetta ci è sembrata subito strana perchè una brioche di questo genere contempla sempre due lievitazioni, qui invece ne prevede solo una. Consiglio quindi di lasciare l’impasto, nel primo raffreddamento in frigo per almeno 3-4 ore, così che oltre a compattarsi possa anche subire una lievitazione.

Torta delle rose
 
Author:
Recipe type: Breakfast
Cuisine: Italian
 
Soffice torta brioche profumata di burro, scorza di limone e vaniglia, per una colazione confortante e coccolosa
Ingredients
  • Per due dolci (una tortiera rotonda da 18 e uno da plumcake) oppure uno in una tortiera da 22 cm.
  • Per la pasta brioche:
  • 500 g di farina 400 w o farina forte o Manitoba
  • 80 g di latte fresco intero
  • 15 g di lievito di birra
  • 180 g di uova
  • 70 g di zucchero semolato
  • 15 g di miele
  • 8 g di rum
  • 190 g di burro morbido
  • 8 g di sale
  • 2 g di scorza di limone grattugiata
  • 1\2 baccello di vaniglia Bourbon
  • Per il ripieno:
  • 100 g di burro morbido
  • 100 g di zucchero a velo
  • 5 g di rum
  • 1\2 baccello di vaniglia Bourbon
  • Per la finitura:
  • 50 g di zucchero a velo
Instructions
  1. Impastate nella planetaria attrezzata col gancio la farina, il latte, il lievito di birra, le uova, il miele e lo zucchero. Quando l'impasto è liscio, elastico e omogeneo, incorporate poco alla volta il burro morbido e quando anche quest'ultimo è stato assorbito, completate con il rum, il sale e gli aromi (scorza di limone grattugiata e i semini raschiati con un coltello dal mezzo baccello di vaniglia). Lasciate raffreddare e lievitare l'impasto nel frigo, coprendolo con pellicola da cucina, per almeno tre ore.
  2. Nel frattempo preparate la crema di burro sbattendo insieme il burro morbido con lo zucchero a velo, il rum e la vaniglia (i semini raschiati dall'altro mezzo baccello) fino ad ottenere una crema bianca.
  3. Togliete l'impasto dal frigorifero e stendetelo a uno spessore di 2,5 mm. Tiratelo fino a raggiungere un quadrato di 50 cm di lato, spalmatevi la crema di burro e arrotolatelo a cilindro. Fate raffreddare nuovamente in frigo per almeno un'ora.
  4. Quindi tagliatelo a rondelle dello spessore di 3-4 cm.
  5. Disponete le rondelle, una parte in una tortiera rotonda da 18 cm di diametro e le ultime in uno stampo da plumcake, oppure tutte in una tortiera rotonda più grande da 22 cm.
  6. Fate lievitare fino al raddoppio del suo volume, quindi mettete in forno a 180° per il tempo necessario in base alla dimensione dei dolci. Se tendono a colorirsi troppo in superficie copriteli con un foglio di carta stagnola.
  7. A fine cottura lasciate raffreddare bene, togliete dagli stampi e spolverizzate di zucchero a velo.

torta-lievitata-rose
Appena sfornata è sofficissima e si scioglie in bocca.
Il giorno dopo è più compatta e si taglia a fette molto bene, come vedete. E’ ugualmente buona e soffice.
Si mantiene diversi giorni chiusa in una tortiera di plastica o sotto una campana di vetro..
Nei giorni successivi è più buona scaldata qualche secondo in microonde.

Il mio giudizio è

bene piccolo

_mg_9637

4 Comments on Torta delle rose

  1. Claudia
    5 dicembre 2016 at 15:28 (1 anno ago)

    Si.. è vero.. a volte le ricette nei libri di cucina.. non sono molto precise.. meno male che hai specificato tu tutto ciò che era mancante.. perché visto il risultato..mi sa che è proprio buona!! Oltre che tanto bella da vedere.. baci e buona settimana :-*

    Rispondi
  2. zia consu
    5 dicembre 2016 at 21:51 (1 anno ago)

    Ti è venuta davvero meravigliosa e l’idea di gustarmela domani a colazione mi fa sognare ad occhi aperti!

    Rispondi
  3. Simo
    7 dicembre 2016 at 21:17 (1 anno ago)

    È meravigliosa….quasi un peccato tagliarla per mangiarla dal tanto che è bella!!!!
    Un abbraccio cara

    Rispondi
  4. tritabiscotti
    7 dicembre 2016 at 21:49 (1 anno ago)

    Fatta mille volte, a me non viene mai così soffice.. Segnata da provare!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Rate this recipe: